Benvenuto nel sito di Turismo Culturale Italiano, il Primo Operatore di Turismo Culturale d'Italia
 
 
Statistiche
l
l
l
l
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________
pagina aggiornata al 17/10/2018
 
_________________________________
   
scopri la programmazione
_________________________________
 
visite guidate
  visite a palazzi, ville, mostre
   
viaggi di gruppo
  escursioni, viaggi e tours
   
incontri
  conferenze, concerti, corsi
   
catalogo
  scarica i nostri programmi pdf
   
archivio
  visita il nostro archivio
   
galleria
  le nostre immagini più belle
   
e-lettere
  ricevi le notizie periodiche con posta elettronica
   
ultime notizie
  novità dalla redazione
   
prenotazioni
 
come prenotare la tua visita, il tuo viaggio...
   
   
   
   
Se desideri fare un regalo originale scegli... scopri
   
   
   
 
itinerari culturali di qualità
     
 
  Palazzetto di Sisto V
 
   
 

La storia

Al civico 7 di via di Parione è situato l'antico palazzo del Pio Sodalizio dei Piceni risalente agli ultimi anni del XV secolo, quando fu abitato dal cardinale Amerio d'Albret, fratello di Carlotta, moglie di Cesare Borgia. L'edificio cambiò proprietario dopo pochi anni, infatti, che Herrera & Costa, proprietari di un banco, firmarono l'acquisto del palazzo probabilmente come sede del banco stesso. L'edificio è noto anche come Casa di Sisto V, perché fu acquistato dal pontefice nel 1589, anche se questi probabilmente non vi abitò mai, ma lo donò alla nipote Flavia Peretti in occasione del suo matrimonio con Virginio Orsini, duca di Bracciano. Alla morte di Flavia Peretti, il marito ne cedette la proprietà ai parenti, fin quando il palazzo venne donato alla Confraternita della Santa Casa di Loreto dei Piceni, costituita poi in Arciconfraternita nel 1677 e trasformata nel 1899 in Pio Sodalizio dei Piceni.

La costruzione

L'edificio fu restaurato nel 1930 sotto la direzione dell'ing. Bino Malpesti. La facciata, a due piani suddivisi da fasce marcapiano, presenta finestre arcuate ed architravate al primo. Al pianterreno si colloca un portale architravato con arco bugnato decorato delle rose degli Orsini e sovrastato dalla scritta: "FRANCISCUS SPINOLA SAONENSIS”. Tra il primo ed il secondo piano c'è l'immagine graffita della Vergine di Loreto che indica la proprietà dei Piceni. In alto si staglia un ricco cornicione ornato da un fregio con putti e volute, sormontato da una fascia che reca le teste scolpite con rose in bocca, elementi araldici degli Orsini. L'atrio ci introduce in piccolo cortile porticato con decorazioni a grottesche, attribuite alternativamente a Giovanni da Udine o a Baldassarre Peruzzi. Il cortile è sormontato da un doppio loggiato e da una terrazza pensile, probabile disegno di Giacomo Della Porta. Dal terrazzo si procede all'interno, tramite una loggia affrescata dal Cavalier d'Arpino, nell'appartamento ducale con soffitto ligneo ed affreschi di figure allegoriche. Al pianterreno trovano spazio la biblioteca e l'archivio.

Curiosità

Sisto V fu il papa che “riscrisse” la Bibbia.

 

 

 

Mecoledì 14 Novembre 2018 ore 10.45

Prenotazione obbligatoria l Massimo 23 Persone l Quota visita guidata Euro 11.00. Visita svolta con l'ausilio di sistemi audio-riceventi
App.to ore 10.45 in via di Parione, 7 l Individua sulla Mappa l Più info sul palazzo
l
 

 

   
   
  indietro  
     
     
   
     
     
   

 

 

 

 
 
___________________________________________________________________________
turismo culturale italiano srl a socio unico - tour operator - C.F. e P.I. 11922481004 - REA RM 1337161
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, immagini, foto, disegni senza l'espressa autorizzazione - All rights reserved.
___________________________________________________________________________