Benvenuto nel sito di Turismo Culturale Italiano, il Primo Operatore di Turismo Culturale d'Italia
 
 
Statistiche
l
l
l
l
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________
pagina aggiornata al 17/10/2018
_________________________________
   
 
_________________________________
 
incontri
  conferenze, concerti, corsi
   
catalogo
  scarica i nostri programmi pdf
   
archivio
  visita il nostro archivio
   
galleria
  le nostre immagini più belle
   
e-lettere
  ricevi le notizie periodiche con posta elettronica
   
ultime notizie
  novità dalla redazione
   
   
   
   
scopri il nostro prossimo tour... leggi
 
cerca sulla mappa le prossime destinazioni dei nostri viaggi... leggi
 
 
la risposta alle tue domande ... leggi
 
 
per essere sicuri su cosa acquistate e a chi vi affidate ... leggi
 
 
Rispettare l'ambiente in ogni sua forma, l'uomo e il patrimonio culturale ... leggi
   
 
 
 
 
 
 
associato
 
 
noi sosteniamo
 
 
     
 
  Palazzo Calasanzio
 
   
 

La storia

L'edificio, sorto sui resti dell'Odeon di Domiziano, risale agi inizi del XVI secolo e dal 1630 è sede del Collegio Nazareno, fondato da San Giuseppe Calasanzio. Il nome dell'Istituto deriva dall'appellativo del Cardinale Michelangelo Tonti, detto il Nazareno, per essere stato arcivescovo della diocesi di Nazareth di Puglia, il quale nel 1622 aveva lasciato a S. Giuseppe Calasanzio il Palazzo di Via del Bufalo a Roma e i suoi possedimenti di Romagna, affinché fosse fondata una scuola per i ragazzi poveri che non potevano frequentare le scuole dell'epoca per lo più a pagamento. San Giuseppe Calasanzio nell'istituire la scuola incontrò non poche difficoltà, derivanti in parte dalle vicende dell'Ordine delle Scuole Pie che aveva da pochi anni fondato, in parte dall'opposizione degli eredi del Cardinal Tonti, i quali impugnarono il testamento, dando origine ad una controversia giudiziaria che si concluse solo nel 1679.

La costruzione

L' edificio è il risultato di una aggregazione di fabbriche iniziata nei primi anni del ‘500. Questo processo si può leggere nelle varie e distinte parti che compongono la facciata principale, la quale si estende da Via del Tritone sin quasi alla chiesa di Sant'Andrea delle Fratte. La zona più antica è quella che affaccia sul Largo del Nazareno. L'area in questione era occupata agli inizi del ‘500 dalla abitazione dell'umanista Angelo Maria Colocci, segretario di papa Leone X. Questa zona fu devastata durante il Sacco di Roma nel 1527 dai Lanzichenecchi. Il segretario, pertanto, dovette provvedere alla costruzione di un nuovo edificio sui resti del preesistente, poco prima della metà del ‘500. E' probabile che tra il 1560 e il 1570 il palazzo fosse venduto da Giacomo Colocci, erede di Angelo Maria, ad un personaggio di cui non ci è pervenuto il nome. Dopo un paio di passaggi ereditari, il palazzo passò nel 1622 al Cardinale Michelangelo Tonti, detto il Nazareno. Da un punto di vista architettonico, la parte più antica del palazzo è quella prospiciente il Largo del Nazareno. La facciata, a due piani più il mezzanino, in origine era compresa tra due paraste. Il terzo e il quarto piano furono aggiunti successivamente. Il bellissimo portone bugnato è sormontato da un balcone su mensoloni. Fasce di travertino collegano le aperture del piano nobile e del mezzanino in alto e all'altezza dei parapetti. L'ingresso è affiancato da due sale laterali che avevano accesso dall'atrio, aperto con tre arcate sulla facciata posteriore, dove si apriva un giardino con fontane alimentate dal vicino acquedotto, visibile nel tratto scoperto davanti all'edificio. Al piano nobile, al di sopra dell' ingresso e dell'atrio, si apriva in origine una sala (attuale Sala di Ricevimento) affrescata dallo Zuccari o dalla sua scuola, con scene delle gesta di Alessandro Farnese alla guerra delle Fiandre (oggi perdute). Nella facciata esterna si notano, nelle mensole delle finestre al piano terreno e sul concio di chiave del portone, delle teste di leone con in bocca l'anello mediceo, giustificate dai legami tra la famiglia Colocci e i Medici. Del primo ‘700 è la “Fabbrica Nuova” del Cipriani che, ripetendo le linee del palazzo del ‘500, si prolunga da Largo del Nazareno sino a via del Tritone. Al piano nobile, la Galleria esistente fu prolungata di quattro assi e, di seguito, fu eretto il Grande Salone (Aula Magna), dietro il quale, attraverso la porta tuttora esistente, ma murata, si passava alla cappella di S. Filippo Neri. Il salone pertanto poteva essere trasformato in chiesa. La cappella fu poi demolita nel 1911, in seguito a ristrutturazioni. Nella volta del salone spicca in una cornice dorata l' affresco de “ La gloria di Dio e il trionfo delle arti e delle scienze”, di Gaspare Serenari, eseguito tra il 1731 e il 1739. Contemporaneamente la Galleria fu adornata con affreschi che si sovrapposero ad altri della fine del ‘500. Intorno al 1870, in seguito alla visita di Pio IX (1868) al Collegio, Tito Armellini edificò l'attuale Cappella Grande od Oratorio, là dove in precedenza sorgeva il Teatro. Essa fu decorata con affreschi del Gagliardi e del Grandi, raffiguranti la vita di S. Giusepe Calasanzio. Alla fine del ‘800 fu costruita l'Ala Nuova per ospitare la Scuola del Collegio disposta perpendicolarmente all'antico edificio. Di conseguenza fu eliminato l'antico giardino del palazzo e il cortile fu circoscritto in un unico spazio riprendendo le forme della piccola palazzina di fronte all'ingresso.
Tra il 1953 e il 1956, fu distrutta un'ala trasversale al palazzo (dente sporgente), della metà del ‘600 ma ormai fatiscente, e aperto l'attuale Largo del Nazareno. In conseguenza di tale demolizione, la cappella della Madonna di Loreto, in essa esistente, fu ricostruita, in un‘area prossima all'Oratorio, nel 1962.

Curiosità


Le piccole teste di bufalo sull'ordine dell'antico loggiato verso il cortile, possono invece riferirsi a Girolama Bufalini moglie del Colocci, il cui stemma di famiglia era una testa di bufala con una rosa in cima, in campo bianco. Il cortile è ornato di statue antiche e, sopra la vasca, di un gruppo di Calasanzio con allievi di Enrico Scipione Tadolini (ex alunno del collegio), degli anni trenta.

 

 

Lunedì 12 Novembre 2018 ore 15.15

Prenotazione obbligatoria l Quota visita guidata Euro 11.00. Visita con l'ausilio di sistemi audio-riceventi con gruppo superiore a 18 partecipanti.
App.to ore 15.15 in p.zza dei Massimi (piazza Navona) l Individua sulla Mappa l Più info sul palazzo
l
 

 

 

     
  indietro  
     
     
   
     
     
   

 

 

 

 
 
___________________________________________________________________________
turismo culturale italiano srl a socio unico - tour operator - C.F. e P.I. 11922481004 - REA RM 1337161
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, immagini, foto, disegni senza l'espressa autorizzazione - All rights reserved.
___________________________________________________________________________