Benvenuto nel sito di Turismo Culturale Italiano, il Primo Operatore di Turismo Culturale d'Italia
 
 
Statistiche
l
l
l
l
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________
pagina aggiornata al 17/10/2018
_________________________________
   
 
_________________________________
 
incontri
  conferenze, concerti, corsi
   
catalogo
  scarica i nostri programmi pdf
   
archivio
  visita il nostro archivio
   
galleria
  le nostre immagini più belle
   
e-lettere
  ricevi le notizie periodiche con posta elettronica
   
ultime notizie
  novità dalla redazione
   
   
   
   
scopri il nostro prossimo tour... leggi
 
cerca sulla mappa le prossime destinazioni dei nostri viaggi... leggi
 
 
la risposta alle tue domande ... leggi
 
 
per essere sicuri su cosa acquistate e a chi vi affidate ... leggi
 
 
Rispettare l'ambiente in ogni sua forma, l'uomo e il patrimonio culturale ... leggi
   
 
 
 
 
 
 
associato
 
 
noi sosteniamo
 
 
  Palazzo Cardelli
 
   
 

La storia

La famiglia Cardelli, originaria della Romagna, è ricordata a Roma a partire del 1429. Ebbero case e proprietà nei rioni Parione, Regola e Campo Marzio, dove Giacomo Cardelli nel Cinquecento fece costruire per la sua famiglia il palazzo. Tempo dopo, un ramo della famiglia si trasferì in piazza Margana, mentre un'altra rimase nel palazzo.

La costruzione

Il palazzo venne edificato tra il 1592 e il 1596 da Francesco da Volterra, a cui viene attribuita la facciata che reca i simboli della famiglia Cardelli, quali cardi e gigli. Fu poi completato nel 1602 da Gaspare Guerra. Altri importanti lavori, quali lo scalone ed il completamento della sistemazione interna di alcune sale, vennero eseguiti tra il 1630 e il 1639 da Francesco Peparelli. Nella seconda metà dell'800, il conte Cardelli ampliò il palazzo con l'ala verso via del Clementino, perfettamente in stile, tanto nelle finestre che nel cornicione, con la costruzione originale. Due cortili, quello principale un tempo con le scuderie ed il secondario con il pozzo da cui si attingeva l'acqua vergine, coprono i vuoti dell'interno della costruzione. Dall'androne, decorato con stucchi e nicchie, si passa allo scalone che conduce alle sale del piano nobile. Queste recano soffitti lignei a cassettoni originali, conservano alcune delicate tempere negli sguinci delle finestre, attribuite a Francesco Allegrini. Da una delle sale del piano nobile, si passa al giardino pensile (uno dei pochi rimasti intatti a Roma), realizzato con interessanti geometrie. Reca entro una nicchia una bella scultura in stucco dell 'Apollo, opera del Naldini.

Le curiosità

I figli di Giacomo Cardelli, costruttore del palazzo, acquistarono nel 1538 dall'Ospedale di S. Ivo dé Bretoni per la somma di 90 scudi d'oro lo spazio libero occupato dalla piazza antistante per evitare che nuove costruzioni occultassero il loro palazzo. Nelle scale, si possono notare i cardi che, a mo' di perni, sorreggono il mancorrente; lo stesso simbolo si nota nel cornicione esterno della facciata.

 

 

Mercoledì 28 Novembre 2018 ore 10.15

Prenotazione obbligatoria l Quota visita guidata Euro 10.00. Ingresso gratuito
App.to ore 10.15 in App.to in piazza Cardelli, 4 l Individua sulla Mappa l Più info sul palazzo
l
 

 

 

     
  indietro  
     
     
   
     
     
   

 

 

 

 
 
___________________________________________________________________________
turismo culturale italiano srl a socio unico - tour operator - C.F. e P.I. 11922481004 - REA RM 1337161
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, immagini, foto, disegni senza l'espressa autorizzazione - All rights reserved.
___________________________________________________________________________