Benvenuto nel sito di Turismo Culturale Italiano, il Primo Operatore di Turismo Culturale d'Italia
 
 
Statistiche
l
l
l
l
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________
pagina aggiornata al 17/10/2018
_________________________________
   
 
_________________________________
 
incontri
  conferenze, concerti, corsi
   
catalogo
  scarica i nostri programmi pdf
   
archivio
  visita il nostro archivio
   
galleria
  le nostre immagini più belle
   
e-lettere
  ricevi le notizie periodiche con posta elettronica
   
ultime notizie
  novità dalla redazione
   
   
   
   
scopri il nostro prossimo tour... leggi
 
cerca sulla mappa le prossime destinazioni dei nostri viaggi... leggi
 
 
la risposta alle tue domande ... leggi
 
 
per essere sicuri su cosa acquistate e a chi vi affidate ... leggi
 
 
Rispettare l'ambiente in ogni sua forma, l'uomo e il patrimonio culturale ... leggi
   
 
 
 
 
 
 
associato
 
 
noi sosteniamo
 
 
     
 
  Palazzo Carpegna
 
   
 

La storia

Il palazzo venne realizzato nel tardo-cinquecento per conto della famiglia Vaini, per poi passare tempo dopo ai duchi Carpegna. Una completa ristrutturazione del palazzo fu operata nel Seicento e poi nel 1932 quando vi venne trasferita la Galleria dell'Accademia di S. Luca, a seguito della demolizione dell'antico palazzo che ospitava originariamente l'Università dei Pittori che sorgeva nell'area del Foro Romano interessata dagli sventramenti per la realizzazione della via dell'Impero, oggi via dei Fori Imperiali.

La costruzione

Il primo progetto di palazzo Carpegna viene generalmente attribuito a un seguace di Giacomo Della Porta, anche se non è da escludersi completamente, un diretto intervento del maestro. Nel 1643 venne chiamato il Borromini per una ristrutturazione dell'edificio. Il progetto originario prevedeva una radicale trasformazione, che a causa di difficoltà economiche, purtroppo rimase completamente incompiuta e che prevedeva un cortile ellittico centrale, porticato su colonne, mai realizzato. Oltre la semplice facciata dal bel portale, tramite un lungo androne, si accede al cortile porticato solo su un lato, ristrutturato pesantemente nel 1730 da Francesco Ferrari. In fondo si imposta la magnifica rampa ovale del Borromini, autentica opera di manierismo di compenetrazione degli spazi. La rampa è inquadrata da un arco a tutto sesto posto in fondo all'androne e in asse con il portale e si nota la rampa elicoidale che irrompe con la sua forma curvilinea nella luce dell'arco che viene diviso a metà dalla rampa. Il parapetto della rampa presenta una straordinaria decorazione con cornucopie, festoni floreali e simboli dei Carpegna. Il cortile, porticato solo sul lato lungo dell'androne, è separato dalla via della Stamperia per mezzo di una cancellata; al centro si imposta una fontana con una vasca molto bassa e ospita numerose sculture tra cui quelle del Thorwaldsen, Apolloni, Maccagnani. Altri pesanti lavori di ristrutturazione si ebbero nei secoli XIX e XX.

Gli ospiti

All'ultimo piano del palazzo, si aprono le sale della Galleria dell'Accademia Nazionale di S. Luca, che conservano opere qui trasferite nel 1932. L'Accademia trae origine dalla Università dei Pittori, Miniatori e Ricamatori voluta nel 1539 su proposta di Michelangelo ed allargata agli scultori e poi agli architetti. Il primo Principe (il direttore) è stato Federico Zuccari; i membri dell'Accademia fruirono della cittadinanza romana e venivano insigniti pro-tempore del titolo di "conte palatino" e vide tra i Principi figure quali Bernini, Pietro da Cortona, Algardi, Brill, Girolamo e Carlo Rainaldi, Carlo Fontana, Conca, Camuccini, Canova, Thorwaldsen, oltre una serie incredibile di illustri nomi tra gli accademici. Lo statuto prevedeva che gli accademici dovessero lasciare almeno una loro opera a perpetua memoria. Molte di queste opere sono ora conservate nelle otto sale dell'Accademia, che ospita inoltre la Biblioteca con una raccolta di disegni d'architettura e di figura e il ricco Archivio storico.

 

 

 

     
  indietro  
     
  Lunedì 19 Novembre 2018 ore 10.15  
 
Prenotazione obbligatoria l Massimo 20 Persone l Quota visita guidata e contributo d'ingresso Euro 13.00. Visita svolta con l'ausilio di sistemi audio-riceventi
App.to ore 10.15 in piazza dell'Accademia di San Luca, 77 l Individua sulla Mappa l Più info sul palazzo
l
 
     
     
   

 

 

 

 
 
___________________________________________________________________________
turismo culturale italiano srl a socio unico - tour operator - C.F. e P.I. 11922481004 - REA RM 1337161
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, immagini, foto, disegni senza l'espressa autorizzazione - All rights reserved.
___________________________________________________________________________