Benvenuto nel sito di Turismo Culturale Italiano, il Primo Operatore di Turismo Culturale d'Italia
 
 
Statistiche
l
l
l
l
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________
pagina aggiornata al 17/10/2018
_________________________________
   
 
_________________________________
 
incontri
  conferenze, concerti, corsi
   
catalogo
  scarica i nostri programmi pdf
   
archivio
  visita il nostro archivio
   
galleria
  le nostre immagini più belle
   
e-lettere
  ricevi le notizie periodiche con posta elettronica
   
ultime notizie
  novità dalla redazione
   
   
   
   
scopri il nostro prossimo tour... leggi
 
cerca sulla mappa le prossime destinazioni dei nostri viaggi... leggi
 
 
la risposta alle tue domande ... leggi
 
 
per essere sicuri su cosa acquistate e a chi vi affidate ... leggi
 
 
Rispettare l'ambiente in ogni sua forma, l'uomo e il patrimonio culturale ... leggi
   
 
 
 
 
 
 
associato
 
 
noi sosteniamo
 
 
  Palazzo Cornaro
 
   
 

La storia

L'edificio sorse per volontà del cardinale Luigi Cornaro, illustre membro della nobile famiglia veneziana, tra il 1582 e il 1584. Passò subito dopo alle famiglie Bentivoglio, Valenti e, nella metà del Seicento a Camillo Pamphilj, figlio di Olimpia Maidalchini e nipote di Papa Innocenzo X. Nella seconda metà del Settecento, Papa Pio VI vi collocò la Stamperia Camerale. Negli anni Venti del Novecento il palazzo fu sede del Ministero delle Corporazioni Fasciste.

La costruzione

Il palazzo venne costruito su progetto di Jacopo del Duca, allievo di Michelangelo. Vennero accorpate alcune costruzioni preesistenti che, unite, dettero origine al palazzo. Notevoli modifiche vennero apportate quando divenne sede della Stamperia Camerale che alterarono notevolmente l'originale aspetto. In questo periodo venne allungata la facciata, e nell'Ottocento venne aggiunta una sopraelevazione. La facciata si compone di un piano terreno con finestre, un ampio piano nobile più un piano ammezzato. Al centro si apre un semplice portale con colonne in travertino sorreggenti un balcone. Di grande interesse risultano le maschere canefore che sorreggono le mensole della cornice del palazzo. Al piano nobile si trovano alcune belle sale che recano fregi affrescati nel Cinquecento e raffiguranti vedute allegoriche e scene di paesaggi. Nell'ala destra dell'edificio, verso la via del Tritone, si trova un ampio salone con decorazioni relative al periodo fascista.

Gli ospiti

Nel palazzo si spense nel 1636 Maria di Savoia, figlia di Carlo Emanuele I e di Caterina d'Austria Infanta di Spagna. Il fatto è documentato da una targa apposta dal Comune di Roma nel 1939.

     
  indietro  
     
  Sabato 1 Dicembre 2018 ore 9.45  
 
Prenotazione obbligatoria con dati d'identità personali l Visita guidata e biglietto d'ingresso gratuiti. Visita riservata agli iscritti Turismo Culturale Italiano. Dal 26/11 prenotazioni aperte a tutti a condizione della disponibilità di posti.
App.to ore 9:45 in via della Stamperia, 8 l Individua sulla Mappa l Più info sul palazzo
l
 
     
     
   

 

 

 

 
 
___________________________________________________________________________
turismo culturale italiano srl a socio unico - tour operator - C.F. e P.I. 11922481004 - REA RM 1337161
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, immagini, foto, disegni senza l'espressa autorizzazione - All rights reserved.
___________________________________________________________________________