Benvenuto nel sito di Turismo Culturale Italiano, il Primo Operatore di Turismo Culturale d'Italia
 
 
Statistiche
l
l
l
l
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________
pagina aggiornata al 17/10/2017
_________________________________
   
 
_________________________________
 
incontri
  conferenze, concerti, corsi
   
catalogo
  scarica i nostri programmi pdf
   
archivio
  visita il nostro archivio
   
galleria
  le nostre immagini più belle
   
e-lettere
  ricevi le notizie periodiche con posta elettronica
   
ultime notizie
  novità dalla redazione
   
   
   
   
scopri il nostro prossimo tour... leggi
 
cerca sulla mappa le prossime destinazioni dei nostri viaggi... leggi
 
 
la risposta alle tue domande ... leggi
 
 
per essere sicuri su cosa acquistate e a chi vi affidate ... leggi
 
 
Rispettare l'ambiente in ogni sua forma, l'uomo e il patrimonio culturale ... leggi
   
 
 
 
 
 
 
associato
 
 
noi sosteniamo
 
 
     
 
  Palazzo Firenze
 
   
 

La storia

Possedimento dei De Vico e del cardinal Ascanio Sforza, il Palazzo fu acquistato nel Cinquecento da Iacopo Cardelli, Segretario Apostolico in Vaticano, che lo chiamò il  Palatium . Acquistato nel 1551 da Papa Giulio III Ciocchi del Monte (1550-1555) per farne l'abitazione del fratello Balduino, fu requisito alla sua morte dalla Reverenda Camera Apostolica. Nel 1561 il palazzo fu donato a Pio IV (1560-65) per divenire quindi proprietà di suo nipote Cosimo de' Medici, granduca di Toscana, prendendo il nome attuale di Palazzo di Firenze. Quando la famiglia dei Medici si estinse divenne residenza del Ministro del Granducato. Dopo il 1870 divenne proprietà del Regno d'Italia e vi si installò il Ministero di Grazia e Giustizia e dei Culti. Dal 1926 è sede dell'associazione Dante Alighieri, fondata da Carducci, che si occupa di diffondere la cultura e la lingua italiane nel mondo.

La costruzione

Palazzo di Firenze fu costruito su un progetto iniziale di Francesco da Volterra e completato da Pierino De Gennaris da Caravaggio. La facciata dell'edificio è scandita su due piani, su ciascuno dei quali si aprono cinque finestre, decorate al primo con cornici timpanate e centinate alternate, mentre al secondo riquadrate con decori e festoni. Il pian terreno si apre su un portale centrale d'ingresso con arco a tutto sesto sormontato da un balcone retto da mensole e cinque finestre con grate sorrette anch'esse da mensole. Il cortile, porticato su tre lati, è separato dal giardino retrostante da un corpo di fabbrica, che presenta due piani scanditi da lesene ioniche al pian terreno e corinzie al primo piano. Infatti, alla metà del XVI sec. Bartolomeo Ammanati, per volere di Giulio III, condusse il più importante intervento di restauro realizzando tale costruzione sul fondo del cortile e l'altana verso il giardino. Sul portale architravato, a ricordare la committenza papale, figura uno stemma dei Ciocchi del Monte, costituito da una banda trasversale con tre monti a tre cime ai lati della quale vi sono due corone d'alloro. Alla stessa fase, tra il 1553-1555, è da ricondursi la decorazione di alcuni ambienti a opera di Prospero Fontana. Si veda in particolare la loggia del pianterreno detta del Primaticcio, il cui programma iconografico, sviluppato in nove riquadri indipendenti, allude alla famiglia del committente. Nella stessa campagna decorativa furono realizzati i soffitti intagliati della loggia del piano nobile. Per volere dei Medici, la decorazione fu poi affidata a Jacopo Zucchi (1540-90), già a sevizio della famiglia. Tra il 1574-1575, Zucchi realizzò gli affreschi della Sala delle Stagioni e quella degli Elementi al secondo piano. Per lo stesso palazzo, creò poi un ulteriore ciclo su tela dedicato a Diana. Trasportato già nel 1588 al Palazzo degli Uffizi di Firenze, dove è tutt'ora conservato. La sopraelevazione sopra il cornicione a mensola è di epoca posteriore.

Gli ospiti

Nel palazzo furono ospitati nel 1633 Galileo Galilei e tra gli artisti Jacopo Zucchi, mentre era impegnato nel decoro dei soffitti.  

Mercoledì 7 Novembre 2018 ore 15.45

Prenotazione obbligatoria l Massimo 25 Persone l Quota visita guidata Euro 11.00. Visita svolta con l'ausilio di sistemi audio-riceventi
App.to ore 15.45 in p.zza di Firenze, al palazzo l Individua sulla Mappa l Più info sul palazzo
l
 
     
  indietro  
     
     
   
     
     
   

 

 

 

 
 
___________________________________________________________________________
turismo culturale italiano srl a socio unico - tour operator - C.F. e P.I. 11922481004 - REA RM 1337161
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, immagini, foto, disegni senza l'espressa autorizzazione - All rights reserved.
___________________________________________________________________________