Benvenuto nel sito di Turismo Culturale Italiano, il Primo Operatore di Turismo Culturale d'Italia
 
 
Statistiche
l
l
l
l
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________
pagina aggiornata al 17/10/2018
_________________________________
   
 
_________________________________
 
incontri
  conferenze, concerti, corsi
   
catalogo
  scarica i nostri programmi pdf
   
archivio
  visita il nostro archivio
   
galleria
  le nostre immagini più belle
   
e-lettere
  ricevi le notizie periodiche con posta elettronica
   
ultime notizie
  novità dalla redazione
   
   
   
   
scopri il nostro prossimo tour... leggi
 
cerca sulla mappa le prossime destinazioni dei nostri viaggi... leggi
 
 
la risposta alle tue domande ... leggi
 
 
per essere sicuri su cosa acquistate e a chi vi affidate ... leggi
 
 
Rispettare l'ambiente in ogni sua forma, l'uomo e il patrimonio culturale ... leggi
   
 
 
 
 
 
 
associato
 
 
noi sosteniamo
 
 
  Palazzo Patrizi
 
   
 

La storia

In luogo dell'antico palazzo sorgeva originariamente una casa acquistata nel 1596 da G. Francesco Aldobrandini. Gli Aldobrandini, famiglia fiorentina forse di origine tedesca, annoverano parecchi cardinali tra cui Ippolito divenuto poi Clemente VIII. A seguito di complesse vicende la casa passò nel 1605 a Donna Olimpia Aldobrandini che commissionò la facciata terminata nel 1611. Un manoscritto anonimo della Biblioteca Vaticana del 1660 fa il nome di Giacomo della Porta, morto nel 1602. L'attribuzione del Baglione al Maderno è divenuta tradizionale e ormai accettata da molti studiosi. Si è proposto però anche il nome di Giovanni Fontana, architetto ufficiale di Clemente VIII dal 1596 al 1603 e attivo nella Villa Aldobrandini a Frascati, visto che il palazzo non risponde allo stile del Maderno. La questione attributiva non è però di facile soluzione. Nel 1642 il palazzo fu acquistato dai Patrizi, antica famiglia senese, che si stabilirono a Roma nel 1537. Al suo interno la famiglia annovera un beato Francesco dell'ordine dei Servi di Maria e i beati Antonio e Saverio. I Patrizi fecero eseguire notevoli lavori già prima del 1660 a opera di G. B. Mola (1583-1665) e di Giacomo Pellicarus. Tra il 1642 e il 1649, il piano nobile fu decorato dal senese Raffaello Vanni (1587-1673), con alcune stanze a fresco e quadri a olio sopra le porte. Nel 1690-91 si ebbero altri lavori sulla facciata, che ripresero alla fine del Settecento sotto la direzione di Sebastiano Cipriani.

La costruzione

La facciata presenta tre ordini di finestre. Si aprono al pian terreno un maestoso portale, decentrato, con due mensole ai lati, decorati da una stella e una banda controdoppiomerlata, elementi araldici degli Aldobrandini, e tre finestre con architrave su mensole con inferriate. Al primo piano vi sono quattro finestre con timpani triangolari e ad arco alternati decorati con festoni di frutta e nastri, con sopra la stella e ai lati il motivo della banda; al secondo quattro finestre architravate, di cui tre sovrastate da oculi (uno è murato) ognuna con due stelle e la banda sulla cornice; al terzo piano tre finestre riquadrate semplicemente e una porta finestre con balcone angolare. A coronamento è posto un cornicione a mensole con motivi araldici. All'angolo con via dei Giustiniani, si trova un'edicola con l'Addolorata sotto un piccolo baldacchino. Nel risvolto in via Giustiniani il palazzo presenta analoghe caratteristiche architettoniche. All'interno del palazzo, al piano nobile si può ammirare un soffitto a cassettoni del sec. XVI su colonne di marmo variegato e due consolle dorate del sec. XVII con una tavola di marmo che poggia su sostegni lignei decorati da aquile e putti. Il salone verde è decorato da un fregio con scene bibliche di suole carraccesca e da quadri dei secc. XVII e XVIII con marine, paesaggi e ritratti. Il salone rosso presenta un soffitto a cassettoni e un fregio di scuola carraccesca, una ricca consolle dorata, ornata da putti e sfingi, con specchiera di stile romano seicentesco e una Suonatrice di scuola caravaggesca. Nella sala da pranzo, decorata da un soffitto a cassettoni, si trova il Ritratto di Enrico VI di Francia degli inizi del XVII sec. e una Battaglia del Seicento. Nel salone da ballo, il soffitto intagliato reca tele dipinte tra cui le Muse di Francesco Solimena (1657-1747). Nella sala detta dell'Amazzone è collocata un Amazzone, copia romana da un originale ellenistico. Nella cappella, sul soffitto è rappresentato l'Eterno Padre e sull'altare la Vergine con il Bambino e i tre santi di Casa Patrizi, Saverio, Antonio e Franscesco, realizzati entrambi nel Settecento. Curiosità Alla collezione della famiglia apparteneva la Cena in Emmaus del Caravaggio, oggi alla Pinacoteca di Brera.

 

 

 

     
  indietro  
     
  Sabato 24 Novembre 2018 ore 15.15  
 
Prenotazione obbligatoria l Massimo 25 Persone l Quota visita guidata e spese di apertura straordinaria Euro 26.00. Visita svolta con l'ausilio di sistemi audio-riceventi
App.to ore 15.15 piazza di San Luigi dei Francesi, 37, al palazzo l Individua sulla Mappa l Più info sul palazzo
l
 
     
     
   

 

 

 

 
 
___________________________________________________________________________
turismo culturale italiano srl a socio unico - tour operator - C.F. e P.I. 11922481004 - REA RM 1337161
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, immagini, foto, disegni senza l'espressa autorizzazione - All rights reserved.
___________________________________________________________________________