Benvenuto nel sito di Turismo Culturale Italiano, il Primo Operatore di Turismo Culturale d'Italia
 
 
Statistiche
l
l
l
l
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________
pagina aggiornata al 17/10/2018
_________________________________
   
 
_________________________________
 
incontri
  conferenze, concerti, corsi
   
catalogo
  scarica i nostri programmi pdf
   
archivio
  visita il nostro archivio
   
galleria
  le nostre immagini più belle
   
e-lettere
  ricevi le notizie periodiche con posta elettronica
   
ultime notizie
  novità dalla redazione
   
   
   
   
scopri il nostro prossimo tour... leggi
 
cerca sulla mappa le prossime destinazioni dei nostri viaggi... leggi
 
 
la risposta alle tue domande ... leggi
 
 
per essere sicuri su cosa acquistate e a chi vi affidate ... leggi
 
 
Rispettare l'ambiente in ogni sua forma, l'uomo e il patrimonio culturale ... leggi
   
 
 
 
 
 
 
associato
 
 
noi sosteniamo
 
 
  Palazzo di Sant'Agostino
 
   
 

La storia

Sorto verso la fine del Quattrocento per volere del cardinale Guglielmo d'Estouteville, il palazzo del convento degli Agostiniani è da ritenersi una diretta conseguenza della costruzione della attigua chiesa di S.Agostino, realizzata nel 1420 ed ampliata in forme rinascimentali nel 1479-1483 ad opera degli architetti toscani Giacomo da Pietrasanta e Sebastiano Fiorentino. Dopo aver ospitato per diversi secoli il convento dell'ordine agostiniano, alla fine dell'Ottocento passò allo Stato Italiano. Attualmente ospita la sede dell'Avvocatura Generale dello Stato.

La costruzione

In seguito ai poderosi lavori di ampliamento e ristrutturazione dell'edificio avvenuti nel Seicento e nel Settecento quando era ancora sede conventuale agostiniana, quasi nulla rimane dell'antica costruzione quattrocentesca realizzata originariamente dal cardinale d'Estouteville. Benché l'isolato, nelle sue linee planimetriche generali sia pressoché simile all'antico, i lavori di ampliamento eseguiti nel XVII secolo, lo portarono ad espandersi oltre i suoi limiti originari. Nel 1746 Padre Agostino Gioia incaricò gli architetti Carlo Murena e Luigi Vanvitelli di progettare una nuova trasformazione, terminata solo intorno al 1765, che modificò sostanzialmente il palazzo. Il Vanvitelli impegnato nell'immensa opera della Reggia di Caserta, delegò al Murena la direzione dell'opera, spesso inviandogli da Caserta disegni e schemi del cantiere romano. Tra le tante modifiche apportate dai due architetti, di particolare interesse risulta essere la soluzione adottata sulla facciata verso via dei Portoghesi, composta da un alto basamento a bugnato, con portale che presenta nella parte alta una nicchia ornata con conchiglia ed un cartiglio con l'iscrizione Coenobium S.Agostini . Varcato il portale si presenta il vasto cortile dalle linee settecentesche e solenni tipiche del Vanvitelli. Il cortile è porticato su pilastri per tre lati, mentre sul lato di fondo, a causa dell'esiguità dello spazio a disposizione, un'abile soluzione consente il passaggio coperto. Le pareti del cortile sono scandite da bugne orizzontali e radiali sulle arcate; al piano superiore altre grandi e monumentali arcate delineano la facciata. Nel cortile sono sistemate alcuni monumenti sepolcrali quattrocenteschi provenienti dell'antico convento, tra cui spicca per bellezza la tomba del cardinale Giacomo Ammannati Piccolomini. Un altro ingresso si apre su via della Scrofa, dove si imposta uno degli spazi più rappresentativi del XVIII secolo romano, forse architettato da Filippo Juvarra. L'atrio d'ingresso, di forma mistilinea a colonne binate e con originali soluzioni d'angolo, immette in quello che era in passato l'antico refettorio del convento, a pianta rettangolare e lungo quanto il cortile dove sulla grande parete di fondo compare un grande affresco a tutta parete. Di notevole interesse è la sistemazione del piano superiore, un tempo occupato dagli ambienti conventuali, tra cui spicca per bellezza la sala della biblioteca interna del palazzo. Un'altra biblioteca, l'Angelica, fondata da Angelo Rocca alla fine del XVI sec., occupa il lato del palazzo che affaccia sulla piazza di S. Agostino.

 

 

     
  indietro  
     
  Venerdì 16 Novembre 2018 ore 15.45  
 
Prenotazione obbligatoria l Quota visita guidata Euro 11.00. Visita svolta con l'ausilio di sistemi audio-riceventi
App.to ore 15.45 in via dei Portoghesi, alla chiesa di Sant'Antonio l Individua sulla Mappa l Più info sul palazzo
l
 
     
     
   

 

 

 

 
 
___________________________________________________________________________
turismo culturale italiano srl a socio unico - tour operator - C.F. e P.I. 11922481004 - REA RM 1337161
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, immagini, foto, disegni senza l'espressa autorizzazione - All rights reserved.
___________________________________________________________________________