Benvenuto nel sito di Turismo Culturale Italiano, il Primo Operatore di Turismo Culturale d'Italia
 
Statistiche
l
l
l
l
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________

pagina aggiornata al 25/09/2018

_________________________________
   
scopri la programmazione
_________________________________
 
visite guidate
  visite a palazzi, ville, mostre
   
viaggi di gruppo
  escursioni, viaggi e tours
   
incontri
  conferenze, concerti, corsi
   
catalogo
  scarica i nostri programmi pdf
   
archivio
  visita il nostro archivio
   
galleria
  le nostre immagini più belle
   
e-lettere
  ricevi le notizie periodiche con posta elettronica
   
ultime notizie
  novità dalla redazione
   
prenotazioni
 
come prenotare la tua visita, il tuo viaggio...
   
   
   
scopri il nostro prossimo tour... leggi
 
 
 
   
   
 
cerca sulla mappa le prossime destinazioni dei nostri viaggi... leggi
 
 
Rispettare l'ambiente in ogni sua forma, l'uomo e il patrimonio culturale ... leggi
 
Firma la Petizione
RESIDENZE BORBONICHE Patrimonio dell'Umanità: APPELLO - PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO
 
 
 
Se desideri fare un regalo originale puoi scegliere ... leggi
 
 
associato
  Per tutti coloro che amano i luoghi della cultura dell'Abruzzo
 
 
Riaperti per Noi.
 
Tre siti importantissimi riaperti per la rinascita culturale dell'Abruzzo dopo il terribile sisma del 2009. Tra riaperture, restauri e riallestimenti visiteremo tre vere gemme, tre contenitori d'arte e storia, portando così il nostro sostegno e la nostra vicinanza. Tra questi il Trittico di Beffi, ambasciatore d'Abruzzo nel mondo che, esposto a New York, è stato ammirato da più di 1 milione di visitatori e che noi ammireremo alla nuova sede del Munda, Museo Nazionale d'Abruzzo...
   
  Sabato 10 Novembre 2018
 
 
 
Una giornata di inizio Autunno, con i colori delle foreste abruzzesi che iniziano a tingere il paesaggio, per conoscere tre realtà riaperte dopo il sisma ed opere appena restaurate. Inizieremo dalla superba collezione pittorica e scultorea medievale del Museo Nazionale de l'Aquila, oggi riallestito alle 99 Cannelle; passeremo poi al Castello Piccolomini di Celano, possente struttura con una ricchissima collezione; infine Santa Maria di Collemaggio... [in aggiornamento]
 
 
 

programma

 

Sabato 10 Novembre 2018

Appuntamento con i partecipanti in p.le Ostiense, alle mura aureliane e partenza in pullman GT per l'Abruzzo. Lungo il percorso in autostrada sarà effettuata una sosta caffè in autogrill.

L'itinerario condurrà prima a l'Aquila e poi nel borgo di Celano, in una cornice ambientale ammantata dai caldi colori dell'Autunno.

Tema di questa giornata è costituito dalla visita a tre siti riaperti o riallestiti ex novo a causa dei anni del sisma del 2009.

Inizieremo così dalla nuovissima sede del prestigioso e ricchissimo Museo Nazionale d'Abruzzo, il MuNDA, che ha riaperto i battenti presso la sede dell'ex Mattatoio dell'Aquila in località Borgo Rivera di fronte alla monumentale Fontana delle 99 Cannelle. Aperto il  19 dicembre 2015 la nuova sede è costituita dal complesso architettonico  dell'ex mattatoio comunale dell'Aquila in Borgo Rivera, di fronte alla celebre  Fontana delle Novantanove Cannelle, all'interno delle mura trecentesche, di fronte alla chiesa di San Vito, nei pressi del fiume Aterno.

Si tratta di in un edificio di archeologia industriale, l'ex Mattatoio comunale, non usato da anni de assegnato dal Comune in comodato gratuito al Mibact. L'edificio, già di suo importante, venne progettato dall'ingegnere e marchese Alessandro Vastarini Cresi nel 1883, rimanendo in funzione per più di un secolo. E' situato a Borgo Rivera, all'estrema periferia meridionale cannelle realizzata “nell'anno del Signore 1272”.

Il nuovo percorso, allestito all'interno degli antichi padiglioni del mattatoio,  parte dalla sezione archeologica delle antiche civiltà degli Abruzzi e giunge al Seicento con Ribera, Stanzione, Mattia Preti.

Nella prima sezione sono esposti reperti inediti appena restaurati e rinvenuti nelle ultime campagne di scavo: tra questi il famoso cippo funerario con serpente, caro al popolo Marsi, ai mascheroni in osso dei letti scavati a Fossa ed infine al rilievo con ludi gladiatori in pietra calcarea proveniente da Amiternum.

La porta a due battenti che viene da Campovalano di Campli introduce in un raffinatissimo Medioevo di statue lignee e di tavole dipinte dedicate alla Vergine dai tratti austeri, elegante e sempre dolcissima. La  Madonna del latte  di Montereale, una tempera su pergamena incollata su una tavola di legno di pino o la  Madonna delle Concanelle, la più antica firmata e datata 1262 in legno intagliato e dipinto con traccia di dorature.

Accanto alle Madonne in alto è posto il  Cristo del Duomo di Penne, un capolavoro riconducibile ai gruppi lignei delle Deposizioni a più figure. Realizzato alla fine del XIII secolo, intagliato e dipinto, scaraventato al suolo dal sisma, è stato sapientemente restaurato grazie al finanziamento della Wiegand Foundation di Reno in Nevada.

Altro capolavoro in cui il restauro ha fatto miracoli è il  Presepe del XVI secolo in terracotta policroma  attribuito a Saturnino Gatti cui si deve la  Madonna con Bambino  di Collemaggio. Restaurato dagli specialisti dell'Istituto superiore per la conservazione e il restauro ha un meccanismo interno che tiene insieme le varie parti e le collega alla base antisismica.

Perla del Munda il Trittico di Beffi, un raffinatissimo esempio di pittura su tavola intriso di suggestioni europee dell'arte cortese. Scampato al terremoto, è diventato ambasciatore d'Abruzzo nei musei americani, ammirato da oltre un milione di visitatori. E' opera di Leonardo di Sabino da Teramo, cui si deve anche L'albero della croce o delle sette parole. E ancora il  Polittico  di Jacobello del Fiore, il  San Sebastiano  intagliato e dipinto di Silvestro dell'Aquila, il Cristo alla colonna di Pompeo Cesura, la tavola con le  storie di San Giovanni da Capestrano, le due vetrate dagli smaglianti colori provenienti dalla chiesa di San Flaviano all'Aquila. E il  Nodo di croce processionale  con smalti champlavés firmato da Nicola da Guardiagrele, grande protagonista dell'arte orafa abruzzese.

Dunque una visita tra capolavori di tutto rispetto.

Proseguiremo per la visita di un'altra opera in parte scampata ai danni provocati dal sisma, la celebre Basilica di Collemaggio. Fondata nel 1288  per volere di Pietro da Morrone – qui incoronato papa con il nome di Celestino V il 29 agosto 1294 – è considerata la massima espressione dell'architettura abruzzese oltre che il simbolo della città ed è stata dichiarata monumento nazionale nel 1902. È sede di un giubileo annuale, il primo della storia, istituito con la Bolla del Perdono del 29 settembre 1294 e noto con il nome di Perdonanza Celestiniana, pertanto è caratterizzata dalla presenza, sulla facciata laterale, di una Porta Santa.

A partire dal 1327, il corpo del pontefice è sepolto nella basilica; inizialmente in un sepolcro della cappella laterale mentre, dal 1517, la sua salma è collocata all'interno di un monumentale mausoleo.

Al termine delle visite pausa pranzo di gruppo in ristorante.

Nel pomeriggio ci trasferiremo con il pullman privato al borgo di Celano dove si svolgerà la terza delle nostre visite abruzzesi.

Il castello Piccolomini di Celano, protetto da una possente cinta muraria, segnata da camminamenti e bastioni, si affaccia maestoso ed imponente sulla  piana del Fucino  una volta lago.

Appartenente alla tipologia di residenza fortificata, è costituito da un blocco centrale di forma rettangolare perfettamente simmetrica e da quattro torri angolari merlate in corrispondenza dei punti cardinali.

Nato come fortezza militare alla fine del  sec. XIV , per volontà del conte  Pietro Berardi, fu ampliato dalla nipote Covella con il marito Leonello Acclozamora. Venne definitivamente completato e trasformato in  palazzo residenziale  da Antonio Todeschini Piccolomini, nipote di Papa Pio II, all'indomani dell'investitura a conte nel 1463 da parte di Ferrante D'Aragona sovrano di Napoli.  Altre famiglie nobili si alternarono  nel corso dei secoli, fino a divenire proprietà demaniale nel 1938.

Nel  terremoto del 1915  la struttura riportò gravi ed ingenti danni. Dopo un lungo e deleterio periodo di abbandono, a seguito dell'esproprio da parte dello Stato italiano, nel 1940 iniziarono i lavori di ricostruzione che, interrotti dal secondo conflitto mondiale, furono portati a termine solo nel 1960 rispettando l'impianto originario e riutilizzando, ricomponendoli, i materiali recuperati.

Visibile per un raggio di molti chilometri da tutto il comprensorio del Fucino, il Castello è sede dal 1992 del Museo nazionale d'arte sacra della Marsica.

Il percorso museale si snoda su un unico piano attraverso 8 sale espositive, articolate in più sezioni tematiche: scultura (lapidea e lignea), pittura (murale, su tela e su tavola) ed oreficeria. Le splendide opere provengono da tutto il territorio marsicano e sono databili tra il VI e il XVIII secolo.

Da segnalare le due porte lignee intagliate, realizzate nel XII secolo, il prezioso trittico di Alba Fucens con finissime miniature e la croce degli Orsini datata 1334.

Il castello ospita inoltre una sezione archeologica dedicata alla Collezione Torlonia, composta da reperti rinvenuti durante il prosciugamento del lago Fucino. Di particolare importanza e bellezza è il rilievo in calcare del II sec. d.C. con veduta di città e del suo territorio.

Dal sisma del 6 aprile 2009, che ha colpito duramente la città dell'Aquila, nel Polo museale marsicano sono ospitate opere di grande valenza artistica provenienti dal Museo Nazionale dell'Abruzzo.

La collezione si compone di due considerevoli nuclei: al piano nobile è concentrata l'esposizione dedicata all'arte sacra, che offre una significativa panoramica della produzione artistica nel comprensorio marsicano dal VI al XVIII secolo. Il secondo nucleo, allestito in alcuni ambienti adiacenti il cortile, comprende la raccolta archeologica, costituitasi con i materiali rinvenuti durante i lavori di prosciugamento del lago Fucino, voluti dal Principe Alessandro Torlonia.

Al termine delle visite partenza in pullman per Roma con arrivo in serata. Lungo il percorso effettueremo una sosta in autogrill in autostrada.

---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
 
Le informazioni sull'escursione
Tutte le escursioni e i viaggi sono riservate ai membri del Club di Turismo Culturale Italiano [scopri di più]
 

Quota Euro 62.00 p.p. *

La quota comprende:

viaggio in pullman GT A/R, visite guidate, sistemi audio riceventi, spese parcheggio pullman, ztl, iva, imposte e tasse.

Quota valida con minimo 25 partecipanti.
Prenotazione con pagamento anticipato entro il 6/11/2018 e fino a esaurimento dei posti disponibili. La prenotazione è confermata solo al momento del pagamento. Al momento della prenotazione è preciso dovere del partecipante verificare se la quota di vendita include eventuali biglietti d'ingresso, chiedere dell'eventuale presenza di biglietti d'ingesso e/o spese di ingresso ai siti oggetto delle visite non indicate alla voce "la quota comprende". Tali eventali importi saranno nel caso raccolti brevi manu nel corso del viaggio.
 
Possibilità di prenotare il pranzo di gruppo in ristorante. Si informa che i menù sono necessariamente fissi pertanto qualsiasi forma di intolleranza, allergia, dieta e regime alimentare particolare deve obbligatoriamente essere comunicato al momento della prenotazione del pranzo. La prenotazione del pranzo deve essere comunicata al momento della prenotazione del viaggio stesso. Non è possibile aggiungersi sul posto all'ultimo momento. Il pagamento del pranzo potrà avvenire brevi manu il giorno stesso del viaggio.
 
La quota non comprende tutto quanto non espressamente indicato alla voce "la quota comprende".
N.B. Il programma può subire delle modifiche per ragioni non dipendenti dalla nostra volontà.
Rientro a Roma in serata (pl.le Ostiense unica fermata)
 
* la quota può essere soggetta a variazioni del costo preventivato dei biglietti d'ingresso/accessi/prenotazioni, per variazioni delle tariffe aeree/ferroviarie/pedaggi autostadali, mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti (in tale caso l'adeguamento previsto dalla normativa non potrà essere superiore all'8% delimpoto dell'escursione/viaggio), variazione dei tassi di cambio, se il pagamento della prenotazione avviene oltre i termini indicati, o per altri motivi [leggi]. In ogni caso eventuali variazioni saranno, da parte dell'organizzatore, preventivamente comunicate.
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Normativa sulla Tutela, trattamento dei dati personali (Privacy)
   
Si informa che i dati da lei comunicati al fine garantirle la partecipazione alle attività in programma (visite guidate, escursioni, viaggi, gran tour, cicli di incontri etc.), saranno trattati nall'assolto rispetto della normativa vigente (Regolamento UE n. 2016/679 “GDPR”) [leggi]
   
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Appuntamento alla partenza
   
App.to ore 8.00 in piazzale Ostiense, alle Mura Aureliane.
Clicca qui per vedere il luogo di partenza sulla mappa
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Viaggio in pullman
   
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Mappa di viaggio
 
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Meteo
 
per conoscere le previsioni meteo dei luoghi delle nostre visite clicca qui
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Cosa sapere prima di prenotare e di partire
   
cosa sapere prima di prenotare escursioni di un giorno (informazioni sulle modalità di prenotazione, cancellazione, penalità etc. ) clicca qui
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Prenotazioni
   
se desideri prenotare questo viaggio o avere maggiori informazioni clicca qui
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Scarica il programma di Turismo Culturale Italiano
 
scarica il programma completo delle nostre attività in pdf  
 
 
Normativa
 
Viaggio conforme alle direttive internazionali sul Turismo e del Codice del Turismo D.Lgs. 79/2011.
Aut.ne: Det.ne Dirigenziale R.U. Provincia di Roma n. 806 del 25/02/2013.
Garanzia Assicurativa Responsabilità Civile Organizzatori e intermediari Agenti di Viaggio "Amissima Assicurazioni Spa" - Polizza n° 801156528.
Nel rispetto di quanto richiesto dalla normativa (Codice del Turismo), in ottemperanza agli obblighi di legge derivanti dal DL 79 del 23 maggio 2011 - art. 50 comma 2 e comma 3 e successive modifiche/integrazioni, Turismo Culturale Italiano ha contratto adeguata polizza assicurativa con Filo Diretto Assicurazioni Spa (Polizza numero  5002002211/L  Consorzio FOGAR- FIAVET), in grado di sostituire la funzione svolta fino a tale data dal fondo di garanzia “pubblico”.
 
 
 
___________________________________________________________________________
turismo culturale italiano srl a socio unico - tour operator - C.F. e P.I. 11922481004 - REA RM 1337161
Visite Guidate, Viaggi d’Arte, Itinerari, Gran Tour, Viaggi Culturali, Conferenze, Incontri, Concerti...
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, immagini, foto, disegni senza l'espressa autorizzazione - All rights reserved.
___________________________________________________________________________