Benvenuto nel sito di Turismo Culturale Italiano, il Primo Operatore di Turismo Culturale d'Italia
 
Statistiche
l
l
l
l
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________

pagina aggiornata al 25/09/2018

_________________________________
   
scopri la programmazione
_________________________________
 
visite guidate
  visite a palazzi, ville, mostre
   
viaggi di gruppo
  escursioni, viaggi e tours
   
incontri
  conferenze, concerti, corsi
   
catalogo
  scarica i nostri programmi pdf
   
archivio
  visita il nostro archivio
   
galleria
  le nostre immagini più belle
   
e-lettere
  ricevi le notizie periodiche con posta elettronica
   
ultime notizie
  novità dalla redazione
   
prenotazioni
 
come prenotare la tua visita, il tuo viaggio...
   
   
   
scopri il nostro prossimo tour... leggi
 
 
 
   
   
 
cerca sulla mappa le prossime destinazioni dei nostri viaggi... leggi
 
 
Rispettare l'ambiente in ogni sua forma, l'uomo e il patrimonio culturale ... leggi
 
Firma la Petizione
RESIDENZE BORBONICHE Patrimonio dell'Umanità: APPELLO - PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO
 
 
 
Se desideri fare un regalo originale puoi scegliere ... leggi
 
 
associato
  Il fascino dell'architettura romanica
 
 
Il Romanico d'Abruzzo nella Valle delle Abbazie
  Una sequenza di autentici gioielli, perlopiù sconosciuti ai molti, che per completezza, armonia, bellezza e conservazione potrebbero essere inserite nelle liste dei patrimoni dell'Umanità.
   
  Sabato 9 Marzo 2019
 
 
 
Una giornata tematicamente incentrata sul Medioevo abbruzzese. Inizieremo dall'abbazia di Santa Maria di Ronzano edificata nel lontano XII secolo a Castel Castagna per passare in seguito all'abbazia benedettina di San Clemente a Vomano risalente al IX-XII secolo in località Guardia Vomano di Notaresco; giungeremo poi all'abbazia di Santa Maria di Propezzano a Morro D'Oro fino alla cattedrale di Atri...
 
 
 

programma

 

Sabato 9 Marzo 2019

Appuntamento con i partecipanti in p.le Ostiense, alle mura aureliane e partenza in pullman GT per l'Abruzzo. Lungo il percorso in autostrada sarà effettuata una sosta caffè in autogrill.

L'itinerario ci condurrà nel territorio della provincia di teramo, tra le verdi e fertili colline in vista del mare Adriatico.

Le visite inizieranno dalla chiesa romanica di Santa Maria di Ronzano a Castel Castagna. La chiesa di Santa Maria di Ronzano sorge isolata sopra un colle della valle Mavone, in località di Ronzano, nel comune di Castel Castagna. L'edificio appartenne originarimente al complesso monastico abbaziale dell'ordine dei benedettini che qui ebbero anche il loro complesso abbaziale, ormai scomparso. L'esatta data della costruzione della fabbrica è sconosciuta, ma diversi storici collocano la sua edificazione tra il 1170 e il 1180. La scrittura documentale più antica che cita questa chiesa è un rescritto papale redatto ad Anagni sotto il pontificato di papa Lucio III, datato 21 Gennaio 1184. Lo stile architettonico della chiesa è caratterizzato da una chiara impronta di stile romanico – pugliese che si ritrova nell'impostazione delle finestrature, negli archi ciechi della zona del presbiterio e nella pianta che, sebbene internamente racchiuda tre absidi semicircolari, esternamente appare rettilinea.

Queste caratteristiche accomunano la fabbrica di Ronzano alle chiese pugliesi della cattedrale di Bitonto, del duomo di San Corrado a Molfetta e della basilica di San Nicola a Bari. All'interno della chiesa si conservano splendidi affreschi. Il catino absidale contiene un ciclo d'affreschi medievali datati 1181 o 1281 , in base all'interpretazione che viene data dell'iscrizione dipinta che corre alla base della calotta absidale.

Notevole è anche la Reliquia della Vera Croce. Si conserva infatti un'antica e preziosa croce lignea rivestita in lamina dorata filigranata e decorata con gemme di diverse fogge, dimensioni e colori. Nel corpo della croce è inserito un frammento ligneo anch'esso cruciforme venerato come reliquia della croce Vera Croce di Gesù Cristo. La stauroteca di Ronzano è di incerta datazione ma per gusto e impiego delle gemme può essere databile tra il XI e il XIII secolo. La leggenda locale vuole che sia stata rinvenuta in un campo adiacente all'abbazia durante l'aratura, pare che i buoi che trainavano l'aratro si siano inginocchiati nel bel mezzo del lavoro nonostante le frustate del loro conducente, il contadino decise così di scavare dinanzi ai buoi dove rinvenne la custodia contenente la croce bizantina.

Poco distante giungeremo all'abbazia di San Clemente al Vomano, che sorge sulla sommità di un piccolo colle sulla riva del fiume Vomano, poco distante da Guardia Vomano di Notaresco. E' una splendida scenografia. Appartenne al complesso abbaziale dell'ordine dei benedettini che qui ebbero sia la chiesa che il monastero. Venne fondata nell'anno 871. La leggenda sulle origini tramanda la narrazione della sosta della famiglia dell'imperatore Ludovico II nel “castello” di Guardia Vomano. Tra i membri della famiglia vi era la principessa Ermengarda, figlia di Ludovico II il che apprezzando la bellezza del luogo, volle che vi fossero eretti una chiesa e un monastero dedicati a san Clemente, fatto riportato nel Chronicon Casauriense.

L'aspetto della chiesa appartiene ai lavori dell'anno 1108, come testimonia la lapide apposta sul portale della facciata. La facciata di stile romanico si eleva semplice e austera, aperta nella zona centrale da un importante portale e da una monofora sovrastante, concludendosi con coronamento a spiovente. La chiesa conserva la sua torre campanaria a vela, costruita sfruttando il muro maestro tra la chiesa e il monastero.

Nel prospetto posteriore dell'edificio religioso, verso la vallata, è in bel risalto il movimento semisferico delle absidi con una serie di lesene e arcatelle cieche. L'interno della chiesa è costituito da una pianta basilicale a tre navate con tre absidi semicircolari. Alla fine della navatelle minori vi sono gli ingressi alla cripta sottostante. Le campate delle navate si susseguono con archi a tutto sesto sorretti da colonne e pilastri di varia fattura, alcune realizzate con materiale di reimpiego.

Pausa pranzo in ristorante in gruppo.

Nel primo pomeriggio, poco distante, ci trasferiremo con il nostro pullman privato in visita all'abbazia di Santa Maria di Propezzano a Morro d'Oro. La chiesa insieme con l'adiacente monastero fu parte dell'abbazia omonima appartenuta all'ordine dei padri benedettini. Il cenobio si sviluppò nello stesso periodo in cui crebbero nella vallata teramana anche altri importanti abbazie. Il nome “Propezzano” sembra si possa etimologicamente ricollegare a quello della Madonna Propiziatrice ai miseri, cui la chiesa è intitolata. L'edificazione della chiesa, secondo la tradizione, nasce dal miracolo dell'apparizione della Madonna avvenuto in questo luogo il 10 maggio 715. Malgrado non siano state ritrovate fonti medioevali e lo smarrimento delle carte dell'abbazia, la narrazione dell'evento miracoloso è stata tramandata dalla lunga iscrizione quattrocentesca affrescata, e ancora oggi parzialmente leggibile sulle parti d'intonaco rimaste, nella porzione di muro sopra al portale d'ingresso, dipinta per volere del canonico atriano Andrea Cerone.

Annessa al ricco complesso abbaziale, la attuale presenta una struttura articolata di gusto romanico con lievi influssi ogivali. Il prospetto è movimentato dalla stratigrafia di vari interventi come testimonia il sovrapporsi di lavori eseguiti in diverse epoche. Il primo edificio altomedioevale, fu sottoposto a due interventi di trasformazione, nel XII e verso il XIV secolo. La porzione dell'edificio che risulta più antica è quella costituita da una prima cappella romanica, risalente al XII secolo, di cui è riconoscibile l'oculo inferiore. All'esterno è posto un ricco portale in pietra attribuito alla bottega di Raimondo del Poggio e databile nei primi anni del '300.

La porta, detta Porta Santa, viene aperta il 10 maggio nel giorno dell'Ascensione in ossequio ad una tradizione di data imprecisata. Fu qui rimontata, per volere degli Acquaviva, nel XVI secolo in occasione della celebrazione di un anno santo. Slendido l'interno a pianta basilicale su tre navate, decorato con preziosi affreschi nella navata centrale, nella parete del soprarco della seconda campata di sinistra, risalenti al 1499, come riportato sotto l'immagine della Vergine genuflessa. I racconti compaiono all'interno di registri alla cui base di ognuno si legge una didascalia in lingua volgare. Notevole anche il chiostro.

Terminereo infine con la visita della Basilica di Santa Maria Assunta di Atri, uno dei monumenti simbolo dell'Abruzzo e tra i più importanti esempi del romanico abruzzese, consacrata nel 1223 ma ricostruita nei secoli successivi. Si presenta in pietra d'Istria con il suo aspetto maestoso. La facciata è impreziosita dal bel portale del Maestro Rainaldo, scultore anche degli archivolti, dei capitelli e dei piedritti,  ed è collegato da una cornice che parte da due leoni ad un rosone sormontato da una nicchia che contiene la figura della Madonna con Bambino.

Sul lato destro si ammirano tre portali datati e firmati: il primo, di Rainaldo, è del 1305 in stile gotico con un elaborata ornamentazione a traforo di capitelli; il portale di mezzo e il terzo sono di Raimondo di Poggio, del 1288 e del 1302, ed offrono un eccellente repertorio di maestria e tecnica marmoraria con i ricchi ornamenti, i capitelli lavorati, le lunette. Sul fianco sinistra, spicca il Campanile in conci in pietra d'Istria, alto 54 metri.

L'ampio interno con tre navate ospita straordinari tesori. Il Coro dei Canonici si presenta con le pareti dipinte da Andrea de Litio, considerate il suo capolavoro essendo anche la più vasta opera pittorica del primo rinascimento in Abruzzo. Tra le opere più importanti della navata sinistra si segnalano quelle del Maestro d'Offida: Sant'Orsola, Cristo nell'Orto degli Ulivi e Cristo in mandorla, oltre alla dorata Cappella Arlini, eretta dalla nobile famiglia Arlini nel 1618, al cui interno spicca il grande dipinto raffigurante la liberazione delle Anime Sante dal Purgatorio. Opera di Paolo De Garvis da Bissone di Como è il Battistero, edicola a 4 colonne finemente scolpite, una delle prime sculture del Rinascimento realizzate nella regione: il tabernacolo è interamente di marmo bianco locale, costituito da quattro pilastri quadrangolari poggiati su basi dove si leggono iscrizioni latine. Il chiostro capitolo è veramente un documento artistico eccezionale.

Al termine delle visite partenza in pullman per Roma con arrivo in serata. Lungo il percorso effettueremo una sosta in autogrill in autostrada.

---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
 
Le informazioni sull'escursione
Tutte le escursioni e i viaggi sono riservate ai membri del Club di Turismo Culturale Italiano [scopri di più]
 

Quota Euro 70.00 p.p. *

La quota comprende:

viaggio in pullman GT A/R, visite guidate, sistemi audio riceventi, spese parcheggio pullman, ztl, iva, imposte e tasse. Biglietti d'ingresso o spese di apertura etc. sono esclusi. Eventuali gratuità/riduzioni saranno considerate al momento dell'acquisto in situ dei biglietti. .

Quota valida con minimo 25 partecipanti.
Prenotazione con pagamento anticipato entro il 2/03/2019 e fino a esaurimento dei posti disponibili. La prenotazione è confermata solo al momento del pagamento. Al momento della prenotazione è preciso dovere del partecipante verificare se la quota di vendita include eventuali biglietti d'ingresso, chiedere dell'eventuale presenza di biglietti d'ingesso e/o spese di ingresso ai siti oggetto delle visite non indicate alla voce "la quota comprende". Tali eventali importi saranno nel caso raccolti brevi manu nel corso del viaggio.
 
Possibilità di prenotare il pranzo di gruppo in ristorante. Si informa che i menù sono necessariamente fissi pertanto qualsiasi forma di intolleranza, allergia, dieta e regime alimentare particolare deve obbligatoriamente essere comunicato al momento della prenotazione del pranzo. La prenotazione del pranzo deve essere comunicata al momento della prenotazione del viaggio stesso. Non è possibile aggiungersi sul posto all'ultimo momento. Il pagamento del pranzo potrà avvenire brevi manu il giorno stesso del viaggio.
 
La quota non comprende tutto quanto non espressamente indicato alla voce "la quota comprende".
N.B. Il programma può subire delle modifiche per ragioni non dipendenti dalla nostra volontà.
Rientro a Roma in serata (pl.le Ostiense unica fermata)
 
* la quota può essere soggetta a variazioni del costo preventivato dei biglietti d'ingresso/accessi/prenotazioni, per variazioni delle tariffe aeree/ferroviarie/pedaggi autostadali, mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti (in tale caso l'adeguamento previsto dalla normativa non potrà essere superiore all'8% delimpoto dell'escursione/viaggio), variazione dei tassi di cambio, se il pagamento della prenotazione avviene oltre i termini indicati, o per altri motivi [leggi]. In ogni caso eventuali variazioni saranno, da parte dell'organizzatore, preventivamente comunicate.
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Normativa sulla Tutela, trattamento dei dati personali (Privacy)
   
Si informa che i dati da lei comunicati al fine garantirle la partecipazione alle attività in programma (visite guidate, escursioni, viaggi, gran tour, cicli i incontri etc.), saranno trattati nall'assolto rispetto della normativa vigente (Regolamento UE n. 2016/679 “GDPR”) [leggi]
   
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Appuntamento alla partenza
   
App.to ore 7.00 in piazzale Ostiense, alle Mura Aureliane.
Clicca qui per vedere il luogo di partenza sulla mappa
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Viaggio in pullman
   
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Mappa di viaggio
 
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Meteo
 
per conoscere le previsioni meteo dei luoghi delle nostre visite clicca qui
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Cosa sapere prima di prenotare e di partire
   
cosa sapere prima di prenotare escursioni di un giorno (informazioni sulle modalità di prenotazione, cancellazione, penalità etc. ) clicca qui
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Prenotazioni
   
se desideri prenotare questo viaggio o avere maggiori informazioni clicca qui
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Scarica il programma di Turismo Culturale Italiano
 
scarica il programma completo delle nostre attività in pdf  
 
 
Normativa
 
Viaggio conforme alle direttive internazionali sul Turismo e del Codice del Turismo D.Lgs. 79/2011.
Aut.ne: Det.ne Dirigenziale R.U. Provincia di Roma n. 806 del 25/02/2013.
Garanzia Assicurativa Responsabilità Civile Organizzatori e intermediari Agenti di Viaggio "Amissima Assicurazioni Spa" - Polizza n° 801156528.
Nel rispetto di quanto richiesto dalla normativa (Codice del Turismo), in ottemperanza agli obblighi di legge derivanti dal DL 79 del 23 maggio 2011 - art. 50 comma 2 e comma 3 e successive modifiche/integrazioni, Turismo Culturale Italiano ha contratto adeguata polizza assicurativa con Filo Diretto Assicurazioni Spa (Polizza numero  5002002211/L  Consorzio FOGAR- FIAVET), in grado di sostituire la funzione svolta fino a tale data dal fondo di garanzia “pubblico”.
 
 
 
___________________________________________________________________________
turismo culturale italiano srl a socio unico - tour operator - C.F. e P.I. 11922481004 - REA RM 1337161
Visite Guidate, Viaggi d’Arte, Itinerari, Gran Tour, Viaggi Culturali, Conferenze, Incontri, Concerti...
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, immagini, foto, disegni senza l'espressa autorizzazione - All rights reserved.
___________________________________________________________________________