Benvenuto nel sito di Turismo Culturale Italiano, il Primo Operatore di Turismo Culturale d'Italia
 
Statistiche
l
l
l
l
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________
pagina aggiornata al 06/01/2019
_________________________________
   
scopri la programmazione
_________________________________
 
visite guidate
  visite a palazzi, ville, mostre
   
viaggi di gruppo
  escursioni, viaggi e tours
   
incontri
  conferenze, concerti, corsi
   
catalogo
  scarica i nostri programmi pdf
   
archivio
  visita il nostro archivio
   
galleria
  le nostre immagini più belle
   
e-lettere
  ricevi le notizie periodiche con posta elettronica
   
ultime notizie
  novità dalla redazione
   
prenotazioni
 
come prenotare la tua visita, il tuo viaggio...
   
   
   
   
   
scopri il nostro prossimo tour... leggi
 
cerca sulla mappa le prossime destinazioni dei nostri viaggi... leggi
 
 
la risposta alle tue domande ... leggi
 
 
per essere sicuri su cosa acquistate e a chi vi affidate ... leggi
 
 
Rispettare l'ambiente in ogni sua forma, l'uomo e il patrimonio culturale ... leggi
   
Firma la Petizione
RESIDENZE BORBONICHE Patrimonio dell'Umanità: APPELLO - PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO
 
 
 
Se desideri fare un regalo originale puoi scegliere ... leggi
 
 
associato
 
 
noi sosteniamo
 
 
 

Itinerario tra terra e acqua nel "piccolo mondo" della Bassa

 
 
 

Nelle Terre dei Gonzaga tra borghi d'acqua sul Po della "bassa"

  Atmosfere della sana provincia agricola italiana, immortalata e raccontata magistralmente da Guareschi tra la bassa reggiana e la bassa Cremonese, tra Emilia e Lombardia, a cavallo del Po
   
  Giovedì 11 / Domenica 14 Aprile 2019
 
 

   
itinerario culturale di qualità

Un interessante itinerario in terre poco battute dal turismo di massa che si articola lungo i borghi d'acqua lungo il fiume Po e i suoi affluenti - Oglio e Mincio - tra campi, ponti di barche, argini dalle delicate geometrie e affascinanti paesaggi. Visiteremo San Benedetto Po e , arriveremo a Gonzaga e Commessaggio, visiteremo Brescello e Viadana, le città ducali di Guastalla e di Gualtieri, le Città ideali di sabbioneta e di Pomponesco e faremo una navigazione fluviale. Terre del pittore Ligabue, di Don Camillo e Peppone...

 
 
 

programma

 

 

Giovedì 11 Aprile 2019

Appuntamento con i partecipanti al viaggio alle ore 7:00 in piazzale Ostiense e partenza in mattinata in pullman GT riservato per l'Emilia Romagna.

Durante il viaggio di andata sarà effettuata una sosta in Autogrill in autostrada.

Prima tappa di visita sarà in tarda mattinata la visita a San Benedetto Po. Il Monastero di Polirone fu fondato nel 1007 da Tedaldo di Canossa, nonno della celebre contessa Matilde, sull'isola che si trovava tra il Po e il fiume Lirone. Il monastero ebbe un ruolo fondamentale nella storia del monachesimo per l'impegno religioso, politico e culturale fino a che nel 1797 fu soppresso da Napoleone Bonaparte. 

Il percorso di visita che effettueremo ci porterà a conoscere l'intero complesso, tra i più estesi di quest'area geografica. Visiteremo dunque il chiostro dei Secolari, di cui si possono notare almeno tre fasi costitutive post 1454 che era destinato ad accogliere i pellegrini e i poveri mentre un imponente scalone, detto Barberiniano, conduce ai piani superiori; il chiostro di San Simeone era occupato dall'infermeria vecchia, dalla biblioteca, dalla dimora dell'abate, dalle celle-dormitorio per i monaci di passaggio, dalla cantina, la sartoria e la calzoleria. L'ultimo chiostro, in stile tardogotico, fu affrescato da artisti di scuola fiamminga. Il chiostro Grande ricostruito nel 1450 per il rinnovamento architettonico voluto da Guido Gonzaga con la consulenza del grande Giulio Romano.

Passeremo poi al Refettorio con opere del veronese Girolamo Bonsignori che dipinse l'Ultima Cena  e il giovane Correggio, che nel 1514 affrescò l'architettura dipinta in cui il Cenacolo si immaginava inserito. Giungeremo alle sottostanti Cantine che ospita una collezione di carri reggiani e parmensi. Infine si passa alla collezione polironiana incentrata sulla cultura popolare padana, inaugurata nel 2009. La grandiosa Chiesa Abbaziale venne riedificata nel 1545 da Giulio Romano che integrò le strutture romaniche e gotiche, creando un interno raffinato ed omogeneo. Vi si ammirano le statue di santi opera di Antonio Begarelli, artista modenese che il Vasari definisce "il Michelangelo della terracotta". Nei pressi della sagrestia si trova la tomba di Matilde di Canossa, un sarcofago in alabastro sorretto da quattro leoncini di marmo rosso. Il corpo della contessa non è più ubicato nel sepolcro dal 1633, quando venne trasferito da Papa Urbano VIII Barberini nella Basilica di San Pietro a Roma, una delle tre uniche donne ad essere sepolta nella grande basilica petriana.

Pausa pranzo in ristorante.

Dopo la pausa pranzo ci trasferiremo a Gonzaga, una realtà agricola nota per aver dato i natali a quella famiglia Corradi che, una volta conquistato il potere in città, per rendere omaggio al paese d'origine cambiò il proprio nome in quello che tutti conosciamo. Nel centro del paese troviamo la lunga piazza porticata, luogo di passeggio e anticamente di mercato, con le due torri quattrocentesche che i resti dell'antico castello: la maggiore, con una sopraelevazione che risale al secolo successivo, è una delle più belle della zona. Nei pressi del canale giungeremo alla pieve di San Benedetto che svetta con il suo campanile. La costruzione risale al 1089, quando la piccola cappella preesistente fu demolita per far spazio a questa grande struttura a tre navate più volte rimaneggiata nel corso dei secoli; al suo interno, oltre al bell'altare marmoreo, spicca la pala centrale, attribuita alla scuola di Giulio Romano.

Al termine delle visite trasferimento in albergo e sistemazione nelle camere riservate.

Cena in ristorante. Pernottamento.

 

Venerdì 12 Aprile 2019

Prima colazione a buffet in albergo.

In mattinata trasferimento in visita di Guastalla, nella bassa reggiana. È dall'Anno Mille, con la signoria dei da Canossa, che il nucleo sorto attorno Pieve, ottenuto il privilegio di "nullius dioecesis", assume importanza per la presenza di coltivazioni su terreno fertile a due passi dal Po. Vi si tennero ben due concili ospitati nella Pieve. Con i conti Torelli, nel 1406, si iniziò il ciclo delle signorie che crearono la città in quanto vasto spazio architettonico organizzato con la presenza del palazzo nobiliare, del castello, delle chiese, della piazza.

Questa realtà nata sulla riva destra del Po, destò l'attenzione di Ferrante Gonzaga, maresciallo di Carlo V, che l'acquistò dalla Contessa Torelli. Con i Gonzaga Guastalla raggiunge il suo massimo splendore; furono chiamati architetti di fama come il Giunti e il Volterra, ospitò artisti come il Guercino e i Campi, poeti come il Tasso e il Guarini; divenne, grazie alla cura dei suoi duchi, una delle città fortificate più importanti dello scacchiere militare dell'Italia del Nord.

Guastalla offre un significativo patrimonio artistico, tra i quali il Palazzo Ducale, l'antica residenza dei conti Torello. Passato ai Gonzaga, signori di Guastalla nel 1539, fu sede di una piccola corte. Il progetto si deve a Francesco da Volterra, che ne definì l'assetto a corte quadrata porticata. Si realizzò il giardino all'italiana, la Galleria dei marmi e le decorazioni compiute da Bernardino Campi.

Visiteremo il Duomo, consacrato nel 1575 dal cardinale Borromeo, arcivescovo di Milano e cognato del Signore di Guastalla. Merita una menziona l'antica Pieve della Basilica, del X secolo, voluta dal veneziano Domenico Carimano, che l'aveva chiesta alla regina Ermenegarda, figlia di Angilberga. Nel 996 venne consacrata dal Papa Gregorio V e nel 1095 il Papa Urbano II vi tenne un Sinodo preparatorio del Concilio di Piacenza e di Clermont, importante per gli sviluppi della I Crociata. Nel 1106 il Papa Pasquale II radunò un Concilio dove si definì la separazione civile ed ecclesiastica per le investiture. Vi si conserva, tra gli altri, una statua di terracotta della Madonna con Bimbo, opera di Guido Mazzoni detto il Modanino; il Crocifisso ligneo di stile tedesco e il coro e gli scranni lignei.

Al termine delle visite ci trasferiremo a Gualtieri, la piccola capitale padana, inserita a buona ragione tra i "Borghi più Belli d'Italia". Il paese vide scorrere tra i campi e le strade la vita del pittore Ligabue, che visse isolato come un selvaggio a Gualtieri, nei boschi e nelle golene del Po.

Cascine, poderi, pioppeti, fossi, ponti, canali, argini, strade, disegnano un paesaggio in cui è protagonista l'acqua e la terra. Gualtieri sorge sulla riva destra del Po, in un ambiente naturale ricco di fascino, costituitosi nei secoli con la maestosa opera di bonifica dei terreni che ristagnavano. L'ambiente golenale rappresenta un habitat ideale per alcune specie, vegetali e animali oltre che paesaggistico, grazie ai suoi pioppeti e i boschi di salice bianco, le cave di sabbia. Un paesaggio agricolo formatosi nel tempo dove l'uomo ha modificato questo paesaggio dall'alto valore culturale grazie ai manufatti, agricoli ed architettonici qui presenti: le cascine ed i poderi, i ponti e i canali, gli argini e i tratturi.

Ma Gualtieri offre anche un impianto urbanistico di assoluto valore: tra questi l'enorme e grandiosa piazza Bentivoglio, notevole spazio rinascimentale, un quadrato perfetto di 100 metri di lato, con portico su tre lati, realizzata dall'architetto ferrarese Giovan Battista Aleotti detto l'Argenta.

Visiteremo il palazzo Bentivoglio, edificato tra il 1594 e il 1600 da Ippolito Bentivoglio su progetto di Giovan Battista Aleotti detto l'Argenta, residenza dei marchesi di Gualtieri. L'edificio, in mattoni rossi, stupirà per la sua mole e per le sale affrescate custodite all'interno. Vi ammireremo, in un vero crescendo di sorprese, le sale di Enea, di Giove, di Icaro, il Salone dei Fasti, detto “dei Giganti”, la Cappella e la bella Sala dei Falegnami.

Pausa pranzo a libero.

Nel pomeriggio giungeremo alla famosissima Brescello, luogo delle riprese della serie dei raconti di Guareschi, Don Camillo e Peppone, con Fernandel e Gino Cervi. Ma l'origine di Brescello è antichissima, fondata dalla tribù dei Cenomani, fu romanizzata e divenne poi centro longobardo. Ma è con la Signoria d'Este, con il duca Alfonso II, nel 1555 che il borgo venne fortificata con una munitissima cinta pentagonale, importantissima per il controllo del passaggio viario visto che era posta al confine tra il Ducato di Ferrara, il Ducato di Parma e Piacenza e il Ducato di Mantova. Faremo una passeggiata in alcuni dei luoghi che videro le riprese della serie, iniziando dalla famosa piazza dove due bellissime sculture bronzee immortalano i due interpreti. Poco oltre entreremo nella chiesa di Santa Maria la Nascente, immortalata decine di volte dalle riprese.

Al termine delle visite trasferimento in pullman privato in albergo (cat. 4*) e sistemazione nelle camere riservate.

Infine, attraversato il fiume Po, giungeremo a Pomponesco, un altro tra i Borghi più Belli d'Italia, posto in Lombardia, sulla riva sinistra del Po. Per la sua storia e vicenda urbanistica si può definire una Città Ideale. Ebbe il suo periodo di maggior splendore nel '500, quando Giulio Cesare Gonzaga ne fece la sede della propria Corte. Il paese fu riedificato secondo i canoni dell'epoca ad imitazione di Sabbioneta di Vespasiano Gonzaga. L'idea si riflette magistralmente nella grande e splendida piazza, che si apre vasta e scenografica ai piedi dell'argine del Po. L'abitat naturale anche qui è di immenso valore. Zona di nidificazione del gufo e di altri uccelli quali la garzetta, il cavaliere d'Italia e la pettegola, la Riserva naturale della Garzaia si estende per 96 ha golena del Po con salici bianchi e pioppi pino.

Al termine delle visite trasferimento in albergo, cena e pernottamento.

 

Sabato 13 Aprile 2019

Prima colazione a buffet in albergo.

Dopo la prima colazione trasferimento in pullman per Sabbioneta. dichiarata nell'anno 2008, insieme alla vicina Mantova, luogo Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. La città fu fondata verso la metà del 1500 da Vespasiano Gonzaga Colonna, cugino del ramo primigenio, che sul luogo di un più antico strategico insediamento, volle costruire una città-fortezza autonoma ed inespugnabile, un sogno che molti definirono, a quel tempo, utopico.

La cittadina, costruita in base ai principi   umanistici   della   città ideale, conserva diversi monumenti quali il Palazzo Ducale, residenza e luogo deputato all'amministrazione dello stato; il Teatro all'Antica progettato nel 1590 dall'architetto Vincenzo Scamozzi, primo edificio teatrale dell'epoca moderna costruito appositamente per tale funzione. Entreremo successivamente nella celebre  Galleria degli Antichi nota anche come Corridor Grande, deputata ad ospitare la celebre collezione di marmi antichi nonché i trofei di caccia e il Casino, luogo consacrato all'otium.

Visiteremo il Pantheon dei Gonzaga, la Chiesa dell'Incoronata. Venne costruita tra il 1586 e il 1588 a pianta ottagonale sulle rovine della chiesa di San Niccolò, fatta demolire dal duca Vespasiano Gonzaga. Le decorazioni interne sono opera di allievi della scuola di Antonio Galli da Bibbiena. Al suo interno, nella cappella a sinistra dell'altare maggiore, è collocato il monumento funebre in marmi policromi di Vespasiano Gonzaga realizzato intorno al 1592 dallo scultore Giovan Battista Della Porta, sul quale campeggia la statua in bronzo del duca.

Infine entreremo nella Sinagoga ebraica, luogo di culto e di riunione della comunità ebraica della città, edificata nel 1824.

A breve distanza avremo modo di sostare nel piccolo borgo di Commessaggio, paese della bassa lombarda, su cui prospetta una torre militare, il cosiddetto Torrazzo di Vespasiano Gonzaga. Nel Quattrocento il borgo entrò a far parte dei domini dei Gonzaga, alla cui famiglia legò il proprio destino per circa trecento anni. La particolarità del sito è un ponte di barche, una vera curiosità, e che risale al 1976, anno in cui fu demolito il precedente ponte vespasianeo risalente al lontano 1583.

Pausa pranzo libero.

Nel pomeriggio, nei pressi del Po, proprio al confine tra Lombardia ed Emilia-Romagna, sosteremo per una breve passeggiata nel ridente centro di Casalmaggiore, una tra le località più importanti da un pusto di vista commerciale dell'intera bassa cremonese. Casalmaggiore ebbe una "età dell'oro" in cui fioriva il commercio di vino, gualdo, canapa, zafferano ed altro, scambiati, tramite la via fluviale del Po, con spezie e mercanzie di grande valore provenienti da Venezia, con la quale Casalmaggiore strinse diversi trattati ed accordi.

Per concludere la giornata prenderemo un veloce caffè nella piazza di Rivarolo Mantovano, altra sorta di borgo agricolo ideale con grande piazza porticata, mura e palazzi di elegante fattura.

Al termine delle visite trasferimento in albergo, cena e pernottamento.

 

Domenica 14 Aprile 2019

Prima colazione a buffet in albergo.

Dopo la prima colazione rilascio delle camere, carico dei bagagli sul pullman e trasferimento in pullman per l'imbarco. La mattinata sarà dedicata ad una piacevolissima navigazione fluviale lungo il corso del fiume Po. Un'occasione per ammirare il grande fiume, le sue sponde, i suoi argini, i ponti, le aree golenali, la fauna e la vegetazione.

Il percorso fluviale a bordo di una moderna motonave, toccherà i comuni di Boretto, Brescello con la Foce del fiume Enza e la Pieve di Gualtieri dove si trova ancora oggi la casetta abitata dall'artista Ligabue, per poi tornare a fine navigazione a Boretto.

Termineremo infine il nostro itinerario nella "bassa reggiana" sostando alla rocca dei Gonzaga di Novellara, imponente edificio in laterizio a pianta quadrata, sovrastato d un alto torrione.

Pausa pranzo libero.

Al termine della pausa pranzo, nel primo pomeriggio, partenza in pullman GT per Roma con arrivo previsto a Roma in serata.

---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Le informazioni sul viaggio
Tutte le escursioni e i viaggi sono riservate ai membri del Club di Turismo Culturale Italiano [scopri di più]
 

Quota Euro 695.00 p.p. con pagamento entro il 10/03/19 (supplemento camera doppia uso singola Euro 90.00 - camere singole limitate). Oltre il 10/03/2019 la quota potrebbe subire un aumento*

La quota comprende:

viaggio in pullman GT e tutti i trasferimenti in pullman GT privato per le escursioni, tutti i biglietti d'ingresso / spese di apertura dei siti indicati, spese di prenotazione, visite guidate a cura di guide-conferenziere locali e degli esperti di Turismo Culturale italiano, accompagnamento culturale da Roma, pernottamento in hotel cat. 4*, prime colazioni a buffet, cene con menu del territorio a quattro portate con abbinamento di vini inclusi, un pranzo, tassa di soggiorno, assicurazione assistenza medica/bagaglio/R.C., sistemi audio, spese parcheggio pullman, ztl, iva, imposte e tasse.

 
Quota valida con minimo 18 partecipanti *
La quota non comprende tutto quanto non espressamente indicato alla voce "la quota comprende".
N.B. Il programma può subire delle modifiche per ragioni non dipendenti dalla nostra volontà.
 
Prenotazione con pagamento fino a esaurimento posti disponibili. La prenotazione è confermata solo al momento del pagamento nelle misure seguenti: 25% dell'importo all'acconto, saldo entro 30 giorni dalla data di partenza del viaggio. Le prenotazioni giunte dopo la data di scadenza indicata saranno accettate in caso di disponibilità.
 
App.to ore 7:00 piazzale Ostiense sotto le mura aureliane
 
* la quota può essere soggetta a variazioni del costo preventivato dei biglietti d'ingresso/accessi/prenotazioni, per variazioni delle tariffe aeree/ferroviarie/pedaggi autostadali, ztl e parcheggi, mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti, variazione dei tassi di cambio, se il pagamento della prenotazione avviene oltre i termini indicati, o per altri motivi [leggi]. In ogni caso eventuali variazioni saranno, da parte dell'organizzatore, preventivamente comunicate.
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Normativa sulla Tutela, trattamento dei dati personali (Privacy)
   
Si informa che i dati da lei comunicati al fine garantirle la partecipazione alle attività in programma (visite guidate, escursioni, viaggi, gran tour, cicli i incontri etc.), saranno trattati nall'assolto rispetto della normativa vigente (Regolamento UE n. 2016/679 “GDPR”) [leggi]
   
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Appuntamento alla partenza
   
App.to ore 7:000 in piazzale Ostiense, alle Mura Aureliane
Clicca qui per vedere il luogo di partenza sulla mappa
   
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Viaggio in pullman
   
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Mappa di viaggio
 
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Meteo
   
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Cosa sapere prima di prenotare e di partire per un tour
   
cosa sapere prima di prenotare
leggi le condizioni generali di vendita
scopri l'assicurazione Global Assistance assistenza medica / bagaglio / R.C.
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Assicurazioni
   
INCLUSA. Scopri l'assicurazione Global Assistance assistenza medica / bagaglio / R.C.
Turismo Culturale Italiano include sempre nei propri pacchetti di viaggio questa copertura.
FACOLTATIVA SU RICHIESTA. Scopri l'assicurazione Europ Assistance Annullamento Viaggio
N.B. La Polizza deve essere richiesta e sottoscritta al più tardi entro le ore 24 del giorno successivo al giorno di iscrizione / prenotazione al viaggio.
FONDO DI GARANZIA
A seguito della soppressione del Fondo Nazionale di Garanzia Pubblico con decorrenza dal 30/06/2016, informiamo che, nel rispetto di quanto richiesto dalla normativa (Codice del Turismo), in ottemperanza agli obblighi di legge derivanti dal DL 79 del 23 maggio 2011 - art. 50 comma 2 e comma 3 e successive modifiche/integrazioni, Turismo Culturale Italiano ha contratto adeguata polizza assicurativa con Filo Diretto Assicurazioni Spa (Polizza numero 5002002211/L Consorzio FOGAR- FIAVET), in grado di sostituire la funzione svolta fino a tale data dal fondo di garanzia “pubblico”
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Prenotazioni
   
se desideri prenotare questo viaggio o avere maggiori informazioni sulle modalità di prenotazione, cancellazione, penalità etc. clicca qui
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Scarica
   
scarica il programma completo delle nostre attività in pdf  
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Normativa
   
Viaggio conforme alle direttive internazionali sul Turismo e del Codice del Turismo D.Lgs. 79/2011. A attività proposte sono conformi a quanto previsto dalla normativa vigente. Aut.ne: Det.ne Dirigenziale R.U. Provincia di Roma n. 806 del 25/02/2013.
 
 
     
     
___________________________________________________________________________
turismo culturale italiano srl a socio unico - tour operator - C.F. e P.I. 11922481004 - REA RM 1337161
Visite Guidate, Viaggi d’Arte, Itinerari, Gran Tour, Viaggi Culturali, Conferenze, Incontri, Concerti...
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, immagini, foto, disegni senza l'espressa autorizzazione - All rights reserved.
___________________________________________________________________________